+39 (324) 8644141

+39 (324) 8644141

info@usastudentadvisor.it

Perché studiare all’estero

Studiando all’estero entri nel mondo del lavoro più velocemente, con le competenze richieste dalle aziende e con salari che possono arrivare al triplo di quelli offerti in Italia.

Lo studio all’estero è diventato la via migliore per assicurarsi un futuro roseo nel mondo del lavoro cosmopolita di oggi e le nazioni anglofone rimangono quelle che offrono le migliori prospettive lavorative, con salari medi più alti e tassi di disoccupazioni ai minimi storici. UNI Student Advisors trova la soluzione migliore per le tue ambizioni.

La conoscenze dell’inglese è uno degli aspetti più significativi per le aziende nella scelta del candidato. Cambridge English e QS, la più grande network per l’educazione a livello internazionale al mondo, effettuano studi sull’importanza della conoscenze dell’inglese nel mondo del lavoro da circa vent’anni. Nel 2016 hanno chiesto a circa 6 mila aziende in 38 nazioni e 20 settori diversi di parlare dell’importanza dell’inglese per loro. In Italia sono state 98 le aziende che hanno ricevuto e risposto al survey di QS. I dati parlano chiaro: il 96% di loro ha detto che la conoscenze dell’inglese è un fattore significativo nella scelta del candidato. A livello globale, la percentuale è del 69% per le nazioni in cui l’inglese non è la prima lingua e il 97% per le nazioni in cui l’inglese è la prima lingua o la lingua più usata nel mondo del lavoro.

Secondo lo studio di CINECA, il consorizio interuniversitario italiano creato nel 1969 dal Ministero della Pubblica Istruzione, dopo la conoscenza dell’inglese e le capacità informatiche il terzo e il quarto elemento più importante per i datori di lavoro sono le esperieze all’estero e i candidati che hanno già maturato esperienza lavorativa, al quinto posto c’è invece il numero di anni impegati per completare il proprio percorso di studi. Per ognuno di questi ultimi tre elementi, lo studio all’estero fornisce vantaggi tangibili. All’estero, l’esperienza lavorativa è una parte integrante del curriculum scolastico e gli studenti hanno a disposizione 5 mesi all’anno per effettuare esperienze lavorative full-time. In Italia, l’età media di un laureato è 27 anni, nel Regno Unito il 75% degli studenti si laurea tra i 20 e i 24 anni, negli Stati Uniti la maggior parte si laurea tra i 21 e i 23 anni.

Infine, le skill più richieste nei candidati sono le capacità comunicative e scritte e la capacità di lavorare in team. Queste caratteristiche sono sviluppate al meglio all’estero mentre, come confermato dallo studio della Organization for Economic Co-operation and Development (OECD), l’Italia si trova agli ultimi posti davanti solo a Grecia e Ungheria tra le nazioni europee.